The Vic 20

Avevo 11 anni quando mio papà per Natale mi regalò il Commodore VIC20, il primo home computer consumer dell’epoca.

Era dotato di una poderosa RAM da 5KB. Nessun errore, erano proprio e solo 5 Kilobytes, dei quali 3,5 ben disponibili all’utente. Oggi una chiavetta per le macchine del caffè ne ha molti di più.

Eppure con il VIC20 si realizzavano cose meravigliose. Con i miei risparmi personali riuscii ad acquistare la periferica con memoria di massa necessaria per non perdere ogni volta tutti i dati una volta spento l’apparecchio. Si trattava di un semplice registratore di musicassette. I floppy disk (quelli larghi e flessibili) arrivarono dopo qualche anno.

Grazie al VIC20 scrissi un programma in BASIC che, sulla base degli incontri e dei punti in classifica delle squadre di calcio (da inserire ogni volta) elaborava una proposta di schedina, introducendo anche un fattore random.

Dopo un annetto il VIC20 fece un 12 al totocalcio e grazie alla vincita ottenni l’upgrade al Commodore 64…

Retro Games Ltd ha annunciato per il 23 Ottobre 2020 il lancio di THEVIC20, una rivisitazione completamente autorizzata del computer domestico più venduto negli anni ’80.

THE VIC-20 avrà le stesse dimensioni dell’originale, ma a differenza del suo iconico predecessore sarà dotato di quattro moderne porte USB, di un joystick classico micro-switche e una porta HDMI per essere collegato alla TV.