Copy and Paste

E’ venuto a mancare pochi giorni fa l’informatico statunitense Larry Tesler, l’inventore del copia-incolla e di tanti altri shortcuts. Nato nel 1945 a New York, Larry ha studiato informatica all’Università di Stanford, e dopo la laurea si è dilettato nella ricerca sull’intelligenza artificiale, prima di approdare allo Xerox Palo Alto Research Center (Parc) dove è rimasto fino al 1980.

Quando era arrivato, nel 1973, il laboratorio di Parc stava lavorando su prototipi di computer del futuro, ovvero si faceva ricerca su soluzioni innovative in termini di software in grado di poter migliorare – e semplificare – l’utilizzo delle macchine.

All’epoca i computer erano macchine totalmente diverse – nel software e nell’hardware – rispetto a come li concepiamo oggi. E, proprio pensando alla difficoltà di dover riscrivere ogni volta porzioni di testo – interrogativo che, grazie a lui, in questo millennio non ci siamo posti – Larry Tesler aveva elaborato il copia e taglia (copiare soltanto o copiare rimuovendolo) e incolla nel secondo step. La funzione venne introdotta nel programma di videoscrittura Gypsy dal 1974, senza immaginare che avrebbe rivoluzionato i decenni successivi.

Ma Larry Tesler è stato anche il primo a usare un computer portatile su un aeroplano e a dimostrare a Steve Jobs un sistema grafico di simboli e icone che avrebbe cambiato per sempre l’informatica. Erano sempre gli anni Settanta, infatti, quando aveva partecipato alla realizzazione dello Xerox NoteTaker, uno dei primi computer portatili.