Puglia Active Network

La Puglia è la prima regione in Italia per la produzione di energia eolica, prima per fotovoltaico, terza per biomasse liquide e quinta per biomasse solide. È in sovrapproduzione energetica e si può permettere di fornire le sue eccedenze a regioni come Campania e Basilicata, che ricambiano approvvigionando acqua.

L’intera regione è percorsa da una nuova rete elettrica, intelligente e flessibile, in grado di accogliere l’energia prodotta da migliaia di impianti rinnovabili. Si tratta di Puglia Active Network (P.A.N.), il progetto di E-Distribuzione che ha reso la regione protagonista di un ambizioso programma di smart grid che ora è pienamente operativo.

Saremo in grado di integrare rapidamente tutte le fonti rinnovabili collegate alla rete di distribuzione e questo avrà beneficio sulla bolletta. Più energia rinnovabile viene prodotta, più si riducono i consumi.

P.A.N. è una rete più sicura e affidabile, con una qualità del servizio che stimiamo migliorerà di oltre il 20%. Dove il P.A.N. è stato implementato completamente i cittadini hanno già avuto un beneficio evidente: non ci sono più interruzioni”.

Vincenzo Ranieri, amministratore delegato di E-Distribuzione

P.A.N. è un piano da 170 milioni di euro, cofinanziati al 50% dalla Commissione Europea. È stato avviato nel 2014 in risposta a un bando europeo per la riduzione di emissioni dei gas a effetto serra. Le risorse sono servite principalmente per tre scopi:

  • fornire slancio alla digitalizzazione della rete, già iniziata intorno al Duemila;
  • sviluppare su scala regionale un’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici, con punti dislocati su tutto il territorio e abilitati alla ricarica di veicoli;
  • portare i cittadini alla gestione attiva dei consumi.