Le 10 Chernobyl in circolazione

La World Nuclear Association elenca dieci reattori RBMK ancora operativi in Russia (un RBMK è stato recentemente dismesso a San Pietroburgo nel 2018). La Russia è ora l’unico paese con questi reattori, progettati e costruiti dall’Unione Sovietica.

Sebbene molti elementi del disastro siano ancora avvolti nel mistero, conosciamo alcune cose per certo: il 26 aprile 1986, il nucleo di un reattore nucleare si aprì vicino a Pripyat (una città che faceva parte dell’Unione Sovietica), inviando pennacchi di materiale radioattivo nell’aria.

Il tipo di reattore coinvolto nell’esplosione, un RBMK o reattore a canali ad alta potenza, è stato successivamente modificato in tutta la Russia per risolvere alcuni dei suoi fatali difetti di progettazione, come barre di controllo con punte di grafite e uranio a basso livello di arricchimento. Molte delle caratteristiche originali del reattore furono probabilmente scelte per ridurre i costi.

Gli RBMK russi avrebbero dovuto durare 30 anni, ma i funzionari statali hanno scelto di prolungare i loro cicli di vita. Nel 2015 metà dell’energia nucleare della Russia proveniva da reattori con licenze estese. La World Nuclear Association ha affermato che alcuni vecchi reattori di Kursk e San Pietroburgo commissionati negli anni ’70 suscitano “qualche preoccupazione per il mondo occidentale”.

A differenza di un reattore ad acqua leggera, un RBMK utilizza blocchi di grafite per rallentare i neutroni che aiutano a generare elettricità. Ciò consente il cosiddetto “coefficiente di vuoto positivo”, che rende il reattore instabile a bassi livelli di potenza.