Augusta Taurinorum

Grazie a uno studio multidisciplinare tra archeologia e astronomia è stato possibile determinare questa data con esattezza: il 30 gennaio del 9 a.C., quando un augure, un alto magistrato inviato da Roma e un sacerdote fondarono, appunto, l’antica Augusta Taurinorum. Lo dicono (anche) le stelle.

Il punto di partenza è stata la misura con un Gps di precisione a multifrequenza dell’azimut di via Garibaldi, che coincide con l’antico decumano come gli scavi archeologici dimostrano. La misura finale è stata considerata quale vera direzione tracciata dai gromatici, ovvero quella includente tutti gli errori possibili. Pertanto si è proceduto a ritroso a ricostruire la fondazione della città ex sole (sole nascente secondo il rito etrusco-romano) con il rigore degli algoritmi di trigonometria sferica per il Sole Vero in funzione della data giuliana, dell’elevazione della collina di Torino (dal profilo molto variabile!). Il programma numerico elaborato ad hoc ha permesso di invertire questi algoritmi in funzione di questo unico dato possibile, per cui si sono ottenuti puntualmente come giorni il 30 gennaio o l’11/12 novembre (per il moto apparente del Sole alla latitudine di Torino).

L’interpretazione archeologica e storica ha enucleato come sensibile il 30 gennaio, che coincide con una ricorrenza particolarmente cara a Ottaviano Augusto, vale a dire la festa della Pace istituita nel 13 a.C. dopo la conclusione delle sanguinose guerre alpine. Il programma, proprio perché fa uso di un Sole Vero – il moto apparente del Sole che tiene conto  della seconda legge di Keplero e dell’inclinazione dell’equatore rispetto all’eclittica con tutte le possibili oscillazioni/variazioni dovute alle perturbazioni gravitazionali del Sole, Luna e altri pianeti, nonché all’irregolarità della rotazione terrestre (variazioni accidentali, secolari e stagionali) – ha permesso di circoscrivere con più precisione l’anno di fondazione, che è risultato il 9 a.C.: una data molto cara ad Augusto e coincidente con la prima celebrazione della festa presso l’Ara Pacis a Roma in Campo Marzio.

Torino: 2028 anni e non sentirli